Questo sito web fa uso di cookies installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dall legge. Continuando la navigazione, l’utente dà il proprio consenso all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più, è disponibile l' Informativa estesa sui cookie.

multipolis

MultiPolis è uno strumento di apprendimento attraverso il gioco, l'esperienza e la condivisione.
È un gioco di ruolo rivolto a professionisti, studenti e a chi desideri avvicinarsi a tematiche di natura sociale, educativa, psico-pedagogica, clinica e analitica sperimentando le diverse forme della relazione.
I partecipanti sperimentano la relazione di cura nelle sue varie posizioni, con la possibilità di giocare la personificazione di istituzioni, di casi sociali o di varie ed eventuali situazioni relative all'argomento trattato.
MultiPolis aiuta a percepire la dimensione e la significazione della relazione con l'altro (persona prima che paziente, utente, cliente) all'interno di un setting protetto in cui sia possibile ritagliare uno spazio e un tempo logico in cui autorizzarsi a mettere a fuoco il "che cosa" stia accadendo all'interno della relazione. 
L'obiettivo consiste nell'aiutare i partecipanti ad approfondire l’esperienza della relazione di cura al fine di poterne dire qualcosa e di esprimere significati relativi alla relazione, all’ esserne parte, alla dimensione corporea, alle dinamiche di potere, alla posizione dell’utente o di chi si trova in una situazione di bisogno.
La discussione e il confronto collettivo con cui terminano le sessioni di lavoro, offrono ai partecipanti la possibilità di condividere vissuti e riflessioni.
Ho creato e utilizzo il gioco da molti anni per facilitare l'immersione nella profondità dei diversi linguaggi che i vari gruppi con cui lavoriamo sono soliti abitare. Questa è forse una componente rilevante: la possibilità di dirne qualcosa dell'esperienza della relazione di cura a partire dalla dimensione del gioco nelle diverse declinazione della lingua dei partecipanti.


MultiPolis adotta la metodologia del role-play focalizzandosi sulla relazione. È uno strumento: 
- riproducibile
- adattabile a diverse tematiche
- adotta un approccio olistico e una prospettiva bottom-up
- adatto a formazioni, supervisioni, seminari e momenti informative

Utilizzo MultiPolis dal 2006 in convegni, formazioni e supervisioni
sia in Italia che in Europa.
Tra le altre si segnalano: 
  • formazioni finanziate dal Fondo Sociale Europeo a Trento, Rovereto, Udine, Codroipo
  • supervisioni in assetto large-group a Torino, Trento, Rovereto, La Spezia, Vicenza, Padova, Udine, Cuneo, Fossano
  • seminari formativi a Torino, Verona, Bergamo, Trento, Rovereto, La Spezia, Udine, Vicenza, Padova
  • workshop a Vienna, Malmö, Saragozza, Torino, Lussemburgo



Con il tempo e l'utilizzo di Multipolis ho avuto l'onore di ascoltare e condividere molti linguaggi. I preziosi spunti condivisi dai gruppi sono in via di pubblicazione periodica. Di seguito gli articoli relativi ad alcune sessioni di lavoro:

All'interno del progetto "I dig Stories - stories educational learning facility", che con il finanziamento della Commissione Europea ha permesso di pubblicare una guida allo storytelling digitale (disponibile  in download gratuito qui), tra gli oltre 40 esempi di digital storytelling, ne è stato realizzato uno con la presentazione di Multipolis.



Il sito Multipolis non è più aggiornato da parecchio tempo, ed è in via di profonda ricostruzione.Il sito originario è dedicato al gioco e ne offre una completa descrizione, comprensivo delle istruzioni per un suo utilizzo accompagnate da foto, dei risultati di alcune sessioni di lavoro, dei commenti dei partecipanti, dei termini della licenza Creative Commons BY-NC-Nd 3.0 (attribuzione, non commerciale, no opere derivate) con le relative indicazioni per il suo utilizzo.
Ciunque è libero di copiare, utilizzare e distribuire Multipolis, seguendo i termini indicati dalla licenza, più uno: condividere i risultati del workshop in modo da favorirne la diffusione, la mutualità e la reciprocità.

Nessun commento:

Posta un commento