Questo sito web fa uso di cookies installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dall legge. Continuando la navigazione, l’utente dà il proprio consenso all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più, è disponibile l' Informativa estesa sui cookie.

giovedì 14 gennaio 2016

i Dig Stories: un progetto per fare storia attraverso le proprie storie

i Dig Stories si muove per unire i nuovi strumenti didattici digitali con una dimensione troppo spesso dimenticata nell'agire una trasformazione sociale, la dimensione del piacere.
i Dig Stories unisce la tecnologia al divertimento per la scoperta delle emozioni e  della creatività che nasce dalle condivisione delle dinamiche di gruppo, in cui i partecipanti possono condividere un luogo fisico, logico ed emotivo in cui emergere dalla loro condizione di invisibilità sociale.
Il nostro presupposto etico è che restituire dignità agli individui sia un passo fondamentale e sostanziale per costruire ogni possibile percorso di trasformazione e di inclusione.
Abbiamo scelto il Digital Storytelling (DST) come strumento per soddisfare queste esigenze e concretizzare i nostri obiettivi.
  • DST cosa è? è una breve forma di film-making digitale che permette alle persone di condividere aspetti della propria storia di vita
  • DST è innovativo? è una pratica relativamente nuova: costruire narrazioni a partire dalle storie invisibili per farne storia, per ridare dignità e visibilità a ciò che sta nell'ombra, rappacificandosi con ciò che sta nell'ombra; "semplicemente"  lo si fa in gruppo utilizzando le tecnologie digitali
  • DST è un metodo? siamo molto attenti alla differenza sostanziale che c'è tra teorie, metodi e strumenti, tanto che stiamo lavorando alla guida metodologica e operativa
  • allora DST cosa è? iniziamo a dire che DST è un processo attraverso il quale diverse persone condividono in gruppo la propria storia di vita, le ombre, le fantasie creative. In questo processo, il gruppo permette ai partecipanti l'assunzione di un ruolo attivo nell'apprendimento, lasciando la posizione di passivi ricettori di informazioni. I partecipanti diventano creatori di conoscenza, produttori, editori, valutatori e inter-attori
  • DST permettere ai partecipanti di fare la storia a partire dalle loro storie.


Per saperne di più:

Nessun commento:

Posta un commento