Questo sito web fa uso di cookies installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dall legge. Continuando la navigazione, l’utente dà il proprio consenso all’utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più, è disponibile l' Informativa estesa sui cookie.

martedì 3 dicembre 2013

il racconto di una sfrattata

"il racconto di una sfrattata" è un articolo scritto da Cristina Fallarás (pubblicato inizialmente su Liberation il 31 luglio 2013:

« Mi chiamo Cristina Fallaras e sono diventata la sfrattata più famosa di Spagna. Avrei preferito parlare d’altro, ma questa epoca e questo paese mi impongono di affrontare l’argomento. (...) Nel momento esatto in cui mio figlio Lucas ha aperto la porta e ha detto “Mamma, c’è un signore”, ho smesso di essere una scrittrice, giornalista e redattrice e sono diventata una sfrattata che possiede casualmente la capacità di raccontare una storia per iscritto e davanti a una telecamera. Probabilmente una testimonianza in diretta, in prima persona, è quello che ci vuole. La santa trinità del giornalismo - soggetto, oggetto e analisi - tutto in uno.

200709 Barcellona (ES)
... Da qua sotto riusciamo a malapena a scorgere quelli che sono rimasti in alto, e dobbiamo aiutarci con la memoria. Sappiamo come vivono, cosa mangiano, cosa comprano, come si vestono e si muovono, perché la loro esistenza somiglia a quella che vivevamo noi fino a poco tempo fa. Ma la miseria ci impone di dimenticare e credo che questo ci salvi un poco. Quelli che stanno ancora lassù, invece, non ci guardano nemmeno. Il compito di raccontare la povertà, gli sfratti e le motivazioni di questo suicidio resta nelle mani dei giornalisti, ma come possono riuscirci? Se non ti hanno mai tagliato la corrente, l’acqua o entrambe è difficile farsi un’idea chiara della miseria. Per questo motivo, forse, posso esservi utile. Sono la sfrattata che racconta... »


L'articolo è disponibile in varie lingue. Di seguito i link alla versione italiana:

Nessun commento:

Posta un commento